Lunedì, 21 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le opere di Hirst spiazzano Galleria Borghese: é "Archeology now"

Oltre 80 sculture sparse tra i capolavori di Bernini e Canova

Roma, 7 giu. (askanews) - Damien Hirst alla conquista della Capitale. Le opere del noto artista visionario di Bristol, 80 delle quali provenienti dalla sua mostra del 2017 a Venezia "Treasures from the Wreck of the Unbelievable", sono sparse nelle sale di Galleria Borghese a Roma, tra i capolavori di Bernini e Canova.

È "Archeology now", l'esposizione in programma fino al 7 novembre 2021 che comprende sculture di piccole e grandi dimensioni, fatte di bronzo, marmo di Carrara o malachite, ma anche dipinti ("Colour Space") e un'opera monumentale "Hydra and Kali", nello spazio esterno del Giardino dell Uccelliera.

Anna Coliva, co-curatrice della mostra:

"Sono opere terribili, sono opere completamente spiazzanti. Anche nella collezione ci sono opere di forte bellezza e terribile e terrificante come è la vera bellezza. È un luogo per cui questa poetica può esaltarsi", ha affermato in un'intervista ad Afp.

"Non c'è nessun confronto fra Bernini e Hirst. Non c'è nessun confronto di Bernini con Ammannati, ogni artista è a sè", ha aggiunto.

Si parla di

Video popolari

Le opere di Hirst spiazzano Galleria Borghese: é "Archeology now"

Today è in caricamento