Venerdì, 25 Giugno 2021

Le sculture invisibili di Salvatore Garau: metafore del presente

A Milano il "Budda in contemplazione" poi New York e altre città

Milano, 22 feb. (askanews) - Sculture invisibili come immagini del nostro tempo. E' questo l'ultimo progetto dell'artista Salvatore Garau, che dopo una prima esposizione a Oristano ha portato un'assenza anche in piazza Scala a Milano.

"E' da anni che penso alle sculture invisibili - ha detto l'artista - ma solo ora ho deciso di esporle perché sono la perfetta metafora dei tempi che stiamo vivendo".

A Milano l'opera invisibile di Garau è intitolata "Budda in contemplazione" e fa sentire la propria non presenza nel cuore della città. Stessa cosa che accadrà con la terza installazione dell'artista sardo, prevista a New York. Ma il progetto non si ferma lì.

"Ho già ricevuto delle proposte per qualche altra città nel mondo - ha aggiunto Garau - la mia idea è infatti di esporre sette sculture invisibili in altrettante città. Il sette è un numero carico di simboli e di significati".

Che probabilmente diventano anche più profondi se associati alla metafora dell'invisibilità, non solo dell'oggetto, ma anche dell'atto artistico in sé.

Si parla di

Video popolari

Le sculture invisibili di Salvatore Garau: metafore del presente

Today è in caricamento