rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022

Le star del Carnevale di Rio si reinventano per sopravvivere

Covid cancella i festeggiamenti, ma c'è un fondo per gli artisti

Roma, 13 mag. (askanews) - Raquel Poti è alta a malapena un metro e cinquanta, ma questa minuta trampoliera ha l'abitudine di dominare la folla al celebre Carnevale di Rio de Janeiro. L'annullamento dei festeggiamenti e delle sfarzose parate note in tutto il mondo a causa del Covid-19 l'ha obbligata a reinventarsi tramite una nuova forma d'arte per sopravvivere.

"Il nostro lavoro è sostenuto fondamentalmente dal pubblico, dalla vendita dei biglietti, dal cappello dal sostegno pubblico e privato, pertanto quando ci impediscono di lavorare nello spazio pubblico, non possiamo finanziarci", ha spiegato Poti, 37 anni, trampoliera da 7 e che ha insegnato quest'arte a oltre 500 studenti al Museo di arte moderna di Rio.

A giugno scorso è entrata in vigore in Brasile una legge per sostenere i professionisti della cultura, il cui lavoro è stato bloccato dalla crisi sanitaria; porta il nome di un celebre compositore brasiliano scomparso a causa del virus un anno fa e mette a disposizione circa 465 milioni di euro. Fondi di cui finora hanno beneficiato circa 700.000 persone.

"Questo progetto è sostenuto dalla legge Aldir Blanc, dallo Stato di Rio de Janeiro e questo è il motivo per cui lo abbiamo potuto fare, perché c'è una politica di sostegno agli artisti, a tutta la categoria degli artisti", ha aggiunto.

Nuove strade per finanziarsi hanno cercato anche il rapper brasiliano Alex Pereira Barbosa, alias Mv Bill, e la percussionista e insegnante di musica Thaìs Bezerra.

"Sono insegnante di musica - racconta Thaìs Bezerra, percussionista - formo dei blocchi (gruppi) di carnevale e vivo esclusivamente di musica e arte. E ho dovuto reinventarmi, imparare a gestire l'universo online. Le truppe musicali del carnevale hanno iniziato a insegnare online e ho cominciato a dare lezioni di tamburo online, tutto questo online per potermi sostenere finanziariamente".

Alex Pereira Barbosa, alias Mv Bill, rapper brasiliano:

"Ho visto che ci sono molti artisti che non stanno producendo in Brasile, alcuni per scelta, altri per mancanza d'ispirazione. Ho pensato che l'arte poteva dare un contributo molto importante a questo momento di riflessione. Il mio contributo a questo momento è questo album".

"Il contatto con il pubblico, le mostre, mi sono davvero mancate, ma internet mi ha permesso di avere questi contatti che non sono un sostituto, ma che aiutano a mantenerli. Penso che se avessimo avuto una pandemia con questo isolamento senza internet, senza l'arte, sarebbe stato più pesante e molto più difficile".

Si parla di

Video popolari

Le star del Carnevale di Rio si reinventano per sopravvivere

Today è in caricamento