Martedì, 9 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LEGO, un mappamondo con i progetti dei bambini dal lockdown

Rebuild the World, un'installazione per celebrare la creatività

Milano, 6 ott. (askanews) - Un mappamondo di quattro metri realizzato con 350mila mattoncini LEGO in 2.700 ore di costruzione, per celebrare la creatività dei bambini di tutto il mondo durante il lockdown: per le seconda edizione del progetto "Rebuild the World" nella LEGO House di Billund è stata presentata una grande installazione frutto dei progetti che i bambini hanno immaginato dai quattro angoli del globo. Ne abbiamo parlato con Paolo Lazzarin, amministratore delegato di LEGO Italia.

"LEGO - ha spiegato ad askanews - pensa che i bambini abbiano delle capacità innate di problem solving, ma è qualcosa che va nutrito perché pensiamo anche che queste capacità creative siano vincenti nel XXI secolo. Rebuild the World vuole celebrare la creatività, è un modo di giocare senza schemi, è un modo di pensare la creatività e ci è piaciuto riproporlo quest'anno, in un momento particolare".

Già, perché la pandemia ha cambiato il mondo e dunque dalla Danimarca si è pensato di realizzare un vero e proprio omaggio ai bambini attraverso i loro stessi progetti, immaginati nei mesi di reclusione domestica.

"Questo globo - ha aggiunto Lazzarin - è stato costruito con le creazioni inviate dai bambini durante il lockdown e hanno scatenato la loro fantasia su cinque temi fondamentali: la natura, i veicoli, le creature fantastiche, gli oggetti e i luoghi. Pensiamo che questo globo sarà un simbolo di speranza e positività per mostrare attraverso i loro occhi come vedono il mondo. I bambini, tramite le loro famiglie, hanno mandato via mail o sui social le loro creazioni e poi sono stati i creatori, i Master builder di Lego a riprodurre con i mattoncini le creazioni e sono state messe su questo globo che rappresenta il contributo dei bambini di tutto il mondo".

Alla fine a essere rappresentati sul globo, in mostra a Billund per un mese, sono stati i progetti di 430 bambini. Per l'Italia è stata scelta la Famiglia GBR, che ha proposto una "PazzaPiazza", simbolo sia di uno dei luoghi tipici del nostro Paese, sia del desiderio di tornare a incontrarsi. Ma la possibilità di contribuire a "Rebuild the World" non è finita. "Le famiglie - ha spiegato l'ad di LEGO Italia - possono continuare a mandare le loro creazioni, perché l'obiettivo è anche di creare un mappamondo digitale".

Anche perché e nella stessa filosofia dell'azienda danese non interrompere mai il circolo del gioco, tanto che per l'installazione è prevista fin da ora una seconda, benefica vita. "Questo globo verrà smontato e i mattoncini verrano donati a bambini in difficoltà tramite associazioni che si occupano di difesa del bambino".

E poi, considerando i tempi che stiamo vivendo, è inevitabile chiedere a Paolo Lazzarin in che modo la creatività e il gioco sono stati delle risorse durante la quarantena. "Abbiamo notato, con le nostre ricerche - ci ha risposto - come i bambini abbiano addirittura espresso il desiderio di giocare di più in famiglia e i genitori hanno riscoperto il gioco come elemento di intrattenimento della famiglia e questo ha portato i genitori a spendere più tempo con i loro figli, nel vedere come giocano, come pensano, come creano".

Questo pianeta immaginifico, insomma, è sì un'opera di gioco e creatività collettiva, ma forse può essere considerato anche un oggetto che ci ricorda che pure nei momenti più difficili si possono scoprire o riscoprire cose positive e, mai come in questo strano 2020, nuovi modi di stare insieme, ricostruendo il mondo.

Si parla di

Video popolari

LEGO, un mappamondo con i progetti dei bambini dal lockdown

Today è in caricamento