Lunedì, 23 Novembre 2020

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Liberati in Mali gli italiani padre Maccalli e Nicola Chiacchio

Erano da tempo in mano a un gruppo jihadista

Roma Milano, 9 ott. (askanews) - I due italiani, Padre Pier Luigi Maccalli, rapito in Niger nel 2018, e Nicola Chiacchio, di cui si erano perse le tracce nel 2019 durante un viaggio in Africa, sono stati liberati in Mali. Erano in mano a un gruppo jihadista.

La loro liberazione, hanno commentato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro degli Esteri Luigi di Maio è merito del "prezioso lavoro del nostro comparto di intelligence, in particolare all'Aise, della Farnesina e dell' importante collaborazione delle autorità maliane".

Quattro in tutto gli ostaggi liberati. Oltre ai due italiani ci sono anche l'ex leader dell'opposizione maliana Soumalia Cissé e l'operatrice umanitaria franco-svizzera 75enne Sophie Pétronin, che era nelle mani dei jihadisti dal 2016.

Pétronin sarebbe stata consegnata martedì scorso a emissari del governo assieme a Cissé. Ieri, la presidenza maliana aveva confermato via Twitter la loro liberazione sostenendo che i due erano in viaggio verso Bamako, capitale del Mali.

Secondo la BBC, la liberazione degli ostaggi è stata ottenuta nell'ambito di uno scambio di prigionieri che ha coinvolto più di 100 jihadisti. A tenerli rapiti era un gruppo che si ritiene affiliato ad al Qaida.

Si parla di

Video popolari

Liberati in Mali gli italiani padre Maccalli e Nicola Chiacchio

Today è in caricamento