rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024

Lo Russo: "Se sparisce l'informazione libera, solo propaganda"

Segretario Fnsi sullo smart working che svuota le redazioni

Roma, 14 feb. (askanews) - "Servono risorse per far sopravvivere il giornalismo, soprattutto locale anche dopo il passaggio al digitale. Perché lo spettro di intere città senza fonti attendibili di informazione deve far paura a chi ha a cuore la democrazia. Se sparisce l'informazione libera, resteranno soltanto propaganda e e disinformazione, sarà un danno sul piano occupazionale, ma verrà meno anche l'anima della democrazia": così il segretario generale Fnsi Raffaele Lorusso nella sua relazione alla giornata inaugurale del XXIX congresso Fnsi in corso a Riccione.

"L'innovazione è imprescindibile, ma è bene prestare la giusta attenzione per evitare di spacciare per modernità ciò che può prestare il fianco allo smantellamento di diritti tutele e garanzie individuali e collettive - ha proseguito Lo Russo - Un esempio? Non certamente l'unico, può essere il cosiddetto smart working. Il modello che durante il periodo della pandemia ha permesso di mantenere non soltanto inalterato, ma anche di far crescere la quantità di informazione non ha niente a che vedere con lo smart working. Si è trattato in massima parte di lavoro da remoto svolto dal proprio domicilio. Il lavoro giornalistico è smart ante litteram, perché la necessità di essere testimoni degli eventi costituisce l'essenza stessa della professione. Bisogna pensarci bene prima di assecondare il disegno di chi pensa di utilizzare questa modalità di prestazione per svuotare le redazioni, lasciando che ciascun giornalista se ne resti a casa collegato da remoto. Un conto è alternare la presenza in redazione con il lavoro agile, come lo chiama la legge, in chiave di miglioramento della qualità del prodotto. Un altro è pensare di starsene a casa davanti al computer".

Si parla di

Video popolari

Today è in caricamento