Giovedì, 6 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Luca Ward, l'autobiografia con vita e riscatto di un Gladiatore

L'attore si svela nel ibro "Il talento di essere nessuno"

Roma, 30 mar. (askanews) - Ha dato la voce a Russell Crowe nel "Gladiatore", a Samuel L. Jackson in "Pulp Fiction", a Pierce Brosnan in "James Bond", e anche a Hugh Grant nel Diario di "Bridget Jones". Luca Ward, il più celebre doppiatore italiano, attore di successo in teatro e tv, ha deciso a 60 anni di scrivere la sua autobiografia. Nel libro "Il talento di essere nessuno" racconta l'infanzia difficile, il suo amore per il mare, l'ambiente artistico ma anche l'indigenza in cui è cresciuto, la passione e l'ostinazione nel lavoro, i suoi due grandi amori, la famiglia, la malattia di sua figlia.

"Oggi mancano punti di riferimento e magari un padre, un uomo, che ha percorso una certa parte della sua vita, anche fra mille difficoltà, potrebbe essere d'aiuto, di spunto per qualcuno. Infatti il libro io lo dedico fra l'altro a tutti quelli che credono di non farcela. Non è così".

Ward ha ottenuto grande successo come attore in tv con "Cento vetrine" e "Elisa di Rivombrosa" e in teatro con musical come "My fair lady", "Mamma mia!" o "The Full Monthy". Anche i suoi genitori erano attori, ma dopo la morte prematura del padre Luca ha fatto mille mestieri.

"La sensazione che avevo io da bambino era che il mestiere dei miei genitori non l'avessero proprio azzeccato. Cioè troppo complesso, troppo difficile, troppo in balia delle correnti.

Recitava in cinque lingue mio padre, quindi non era proprio uno non preparato, cantava, ballava, recitava, era molto bravo. Sì c'è stato anche questo: la voglia di rivalsa e di riscattare mio padre".

La svolta della sua carriera è avvenuta sicuramente con il "Il Gladiatore".

"Arrivato al Gladiatore io avevo 40 anni, era il Duemila. Avevo doppiato l'indoppiabile, era arrivato ovunque, mi mancavano le donne...! Con Il Gladiatore ho avuto la cosa più bella: l'affetto e il consenso del pubblico. Il pubblico con quel film si è chiesto, per una delle prima volte: noi vediamo Russel Crowe lì sullo schermo, ma chi è questo che parla? Quindi con il Gladiatore sono ritornato a fare la televisione, e a fare anche un po' di cinema".

Grazie al duro lavoro e agli insegnamenti dei grandi maestri del doppiaggio, di cui parla nel libro, Luca è diventato il numero 1 dei doppiatori. E del suo mestiere parla sempre con grande entusiasmo.

"Tu quando doppi sei a un master, devi capire come l'ha fatta quella battuta per rifarla bene, no? Devi studiare, studi in continuazione. Devi avere proprio i requisiti, infatti nel nostro mondo, nel mondo del doppiaggio, non c'è il compromesso. Il doppiatore è veramente una scommessa, è una sfida gigantesca".

Si parla di

Video popolari

Luca Ward, l'autobiografia con vita e riscatto di un Gladiatore

Today è in caricamento