Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Luci, ombre, visioni: il Madre di Napoli ricorda Marcello Rumma

Una vasta mostra sui sei anni di un'esperienza culturale unica

 

Napoli, 14 gen. (askanews) - E' la storia di un collezionista e imprenditore culturale che aveva capito in anticipo molti aspetti del mondo dell'arte a fine anni Sessanta, ma anche la storia di un uomo, della sua passione e della sua ricerca personale. Il museo Madre di Napoli dedica una mostra a Marcello Rumma e ai sei anni nei quali ha lasciato un segno nella cultura italiana contemporanea, prima di morire, drammaticamente, a soli 28 anni. L'esposizione, curata da Gabriele Guercio con Andrea Viliani, è un omaggio, ma anche un percorso documentato e rigoroso, fatto di materiali d'archivio e opere d'arte, nel quale ci ha guidato la moglie di Marcello, Lia Rumma, oggi una delle più importanti galleriste d'Italia.

"La lezione di Marcello, quella a cui dovremmo guardare ancora oggi tutti noi - ha detto ad askanews - è proprio che quando si è giovani bisogna credere nell'evoluzione e credere nella cultura, nella conoscenza. Bisogna crederci e poi avere il coraggio di realizzare ciò che si pensa e sono le base fondamentali per una vita migliore".

Attivo soprattutto ad Amalfi, dove portò artisti come Kounellis, Fabro, Merz, Richard Long, Paolini e Boetti, Rumma costruì una comunità intellettuale che, nel fertile e complesso tempo della Contestazione, ha offerto più di uno spunto per costruire qualcosa di alternativo all'esistente e, certamente, ha capito tra i primi la forza di un movimento come l'Arte Povera. Giocando, oltretutto, la sua partita nel Meridione.

"Voleva portare cultura nel Sud - ha aggiunto Lia Rumma - voleva che il luogo in cui viveva si rapportasse al modo, si relazionasse con il mondo".

Un mondo nel quale Marcello Rumma si muoveva a più livelli, anche come mecenate e come editore, lasciando un'impronta di cui la mostra vuole ripensare criticamente gli effetti e gli esiti. Con una scelta di allestimento che intende espressamente sottolineare la relazione tra le ombre e le luci, tra ciò che si vede e ciò che non si vede, rispettando la complessità del personaggio, che era al tempo stesso il suo limite e la sua grande ricchezza.

"Il risultato - ci ha detto ancora la moglie - è stato quantomai sorprendente, perché è stato del tutto originale per come Guercio ha pensato i materiali e come questi poi sono stati usati nella mostra, e questo ha portato una grande emozione nel pubblico, un grande successo anche presso la critica e gli artisti soprattutto".

La mostra "I sei anni di Marcello Rumma - 1965-1970" resta aperta al pubblico nel museo Madre fino al 13 aprile.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento