Martedì, 15 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Macron ammette responsabilità della Francia in genocidio Ruanda

Il presidente francese a Kigali, ma per alcuni non ha detto scusa

Kigali, 27 mag. (askanews) - Il presidente francese Emmanuel Macron ha ammesso la responsabilità della Francia nel genocidio del 1994 in Ruanda, dall'aver appoggiato il regime di allora all'aver ignorato gli allarmi per impedire i massacri. Nel corso della sua visita al Genocide Memorial di Kigali, dove sono sepolti i resti di oltre 250.000 vittime, il presidente francese ha dichiarato:

"Tenendomi con umiltà e rispetto al vostro fianco, oggi, sono venuto a riconoscere le nostre responsabilità. Questo è anche proseguire l'opera di conoscenza e di verità che solo il lavoro rigoroso di ricerca e degli storici ci permette. E noi continueremo a farlo".

Macron, che è il primo leader francese dal 2010 a visitare il Paese dell'East Africa, non ha pronunciato la parola "scusa", attesa da alcune personalità ruandesi, ma ha riconosciuto una responsabità della Francia, che però non si è macchiata di complicità nel massacro avvenuto tra aprile e luglio del 1994, quando furono uccise più di 800.000 persone, in maggioranza tutsi. Il presidente del Ruanda, Paul Kagame:

"Il presidente ha appena fatto un'importante dichiarazione al Kigali Genocide Memorial. È stato un discorso potente, con un significato importante per quello che sta accadendo ora e risuonerà ben oltre il Ruanda. Le sue parole sono state qualcosa con più valore delle scuse".

Si parla di

Video popolari

Macron ammette responsabilità della Francia in genocidio Ruanda

Today è in caricamento