Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mascherine riconvertite in visiere. L'eco-idea di una startup

In Francia la Plaxtil ne ha riciclate a migliaia da giugno

 

Roma, 26 ago. (askanews) - Stop all'inquinamento da mascherine ai tempi del coronavirus. Da metà giugno, a Chàtellerault, in Francia, l'azienda Plaxtil ne ha riciclate a migliaia. I dispositivi di protezione individuale, una volta usati, vengono raccolti e messi in una macchina che le riduce a pezzettini, a loro volta trattati e convertiti in plastica, prima di essere trasformati per lo più in visiere protettive. "Plaxtil è stata lanciata nel novembre 2019 - spiega Olivier Civil, co-fondatore della start-up - quindi è un'azienda giovane. Qui trattiamo una plastica ecologica, che viene prodotta dal 40 al 50% da scarti tessili, il resto è una plastica che serve ad agglomerare il tutto, quindi è come una plastica fatta di tessuto".

"Nello specifico, prendiamo i tessuti, vestiti o adesso mascherine, li recupereriamo, li schiacciamo, li mescoliamo con un materiale che fa da legante e trasformiamo tutto in un materiale chiamato Plaxtil, che è industrializzabile come un classico materiale in plastica".

In collaborazione con un'azienda tessile, l'accortezza in più, rispetto ai tessuti usati prima, è stata quella di mettere qualche giorno in "quarantena" le mascherine in una stanza e poi passarle sotto potenti ultravioletti per disinfettarle e decontaminarle completamente prima di riconvertirle, eliminando così ogni possibilità di contagio.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento