Mercoledì, 14 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mattarella: società disorientata, serve l'entusiasmo dei giovani

"Cruciale progettare il futuro dopo crisi della pandemia"

Roma, 13 giu. (askanews) - Bisogna accendere un faro sui giovani ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo alla maratona digitale "Quale futuro" promossa dal ministro per le Politiche Giovanili Vincenzo Spadafora, con centinaia di giovani da tutta Italia. "La freddezza e la diffidenza dei giovani rispetto alla politica, la sempre più rara disponibilità a un confronto circolare, di idee, di proposte, di suggestioni rendono la comunità nazionale più fragile. E rendono più incerta e difficile la individuazione di una strada per progettare il proprio futuro nel mondo globalizzato".

E progettare il futuro diventa ancor più cruciale dopo la grave crisi provocata dall'insorgere della pandemia ha ricordato Mattarella. Poi, parlando della proposta Next generation UE lanciata dalla Commissione Ue, ha aggiunto: "L'Italia è chiamata a partecipare a questo grande progetto, con decisioni volte a rimuovere quel che oggi ostacola la crescita sociale ed economica; e che produce ingiustizie e diseguaglianze. Considero questa di oggi una tappa dell'interrogarsi dell'Italia su se stessa e sul suo avvenire. A una società provata, e disorientata, per scrivere una nuova pagina, serve l'animo della sensibilità giovanile sgombro da pregiudizi. Serve la loro curiosità, il loro entusiasmo". "La condizione giovanile è sinonimo di futuro ma questa espressione non basta a individuare i fenomeni complessi che la caratterizzano. Rischia, persino, di essere fuorviante se dovesse distrarre dall'urgenza del presente che siamo chiamati a vivere. Perché mai come oggi è vero che il futuro è qui, è già cominciato".

"È un dovere far sì che il nostro, e soprattutto vostro, domani sia migliore in termini di occupazione, di qualità della vita e dell'ambiente, di crescita dei diritti e della conoscenza, di pace e di integrazione tra i popoli - ha concluso Mattarella - la condizione per riuscirvi è che l'impegno sia corale, autentico, rivolto al futuro e non a interessi personali o di parte".

Si parla di

Video popolari

Mattarella: società disorientata, serve l'entusiasmo dei giovani

Today è in caricamento