Lunedì, 1 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Matteo Martari si racconta, da "L'Alligatore" al medical drama

Finale per la serie crime-noir: è stato un ruolo affascinante

Roma, 14 dic. (askanews) - Manca pochissimo al finale di stagione de "L'Alligatore". Il 16 dicembre, in prima serata su Rai2, ultima puntata della fiction crime-noir di Daniele Vicari e Emanuele Scaringi che hanno portato in tv le atmosfere dei libri di Massimo Carlotto sulla storia di Marco Buratti, l'Alligatore, un ex cantante Blues ingiustamente condannato a sette anni di carcere e diventato poi un investigatore molto particolare. Che ora ha un ultimo caso da risolvere, a modo suo.

Il protagonista Matteo Martari ha raccontato di essersi subito appassionato al personaggio con cui ha in comune le origini venete. "É stato un ruolo molto affascinante, non conoscevo i romanzi ma conoscevo Massimo Carlotto e appena mi hanno detto che sarei stato io probabilmente l'Alligatore, mi sono fiondato in libreria e ho preso tutto quello che c'era da prendere di Massimo Carlotto".

Una serie particolare, come i libri, in cui si mescolano i generi, con un'ambientazione parte integrante del racconto, tra nebbie, ambiguità e Blues. "I suoi punti chiave rispetto ad altri prodotti sono penso l ambientazione, che è molto specifica, questo Nord forse un po sconosciuto, la Laguna veneta, posti incantevoli e la musica che fa da colonna sonora per tutta la serie. Abbiamo avuto a disposizione brani originali di dove è nato il Blues, in Louisiana, e abbiamo lavorato su quelli, poi Teho Teardo ne ha fatto un opera magnifica".

Da un genere all'altro; vedremo presto Matteo Martari in tv in un ruolo molto diverso. "Al momento sono impegnato su un set a Torino, una coproduzione di Rai Fiction con Aurora per rRai1, un medical ambientato negli anni 60 e parla dell ipotetico primo trapianto di cuore fatto in Italia e della macchina cuore-polmone, insomma delle eccellenze in Italia".

Si parla di

Video popolari

Matteo Martari si racconta, da "L'Alligatore" al medical drama

Today è in caricamento