Domenica, 14 Luglio 2024

Missione Euclid, il satellite Esa per esplorare l'universo oscuro

A bordo un grande contributo da Leonardo con Thales Alenia Space

Roma, 1 lug. (askanews) - Prende il nome da Euclide, il padre della geometria, la missione Euclid dell'ESA, l'Agenzia spaziale europea; il satellite partirà oggi da Cape Canaveral in Florida sul razzo Falcon9 di SpaceX. Missione, esplorare l'universo oscuro; sei anni in orbita per studiare l'espansione e l'evoluzione dell'universo, per comprendere come la sua struttura si è formata nel corso della storia cosmica. A partire da questi dati, saranno studiate le proprietà dell'energia e della materia oscura e della gravità.

A bordo un telescopio che effettuerà una mappatura di oltre un terzo del cielo al di fuori della via Lattea osservando miliardi di galassie fino a dieci miliardi di anni luce.

Un importante contributo tecnologico viene da Leonardo insieme alla joint venture Thales Alenia Space, scelta come prima contraente per la realizzazione del satellite e del relativo modulo di servizio. Ma anche l'antenna dispiegabile e orientabile a banda K ad alto guadagno realizzata nel sito di Roma, il transponder X-band e, per osservare galassie così distanti, i micropropulsori a gas freddo e il Fine GuidanceSensor, un sensore guida per calcolare l'orientamento del telescopio, versione ipertecnologica dell'antico sestante. Leonardo fornisce anche i tre pannelli fotovoltaici che assicureranno l'alimentazione di tutti i sistemi del satellite.

Euclid costruirà un grande archivio di dati unici - senza precedenti per volume per una missione spaziale.

Si parla di

Video popolari

Today è in caricamento