Venerdì, 14 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Morto Antonio Catricalà, addio ad un servitore dello Stato

Avvocato, Cavaliere Repubblica ed ex presidente dell'Antitrust

Milano, 24 feb. (askanews) - Addio ad Antonio Catricalà, un grande servitore dello Stato. Catricalà, nato a Catanzaro il 7 febbraio 1952, sarebbe morto suicida, secondo una prima ricostruzione investigativa, nella sua casa di Roma, nel quartiere Parioli. Attualmente era presidente di Aeroporti di Roma e da pochi giorni era stato nominato alla guida dell'Igi, l'Istituto Grandi Infrastrutture.

Lunga e ricca d'incarichi la sua carriera cominciata subito dopo la laurea con lode in giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Avvocato e magistrato del Consiglio di Stato, è stato presidente dell'Antitrust dal 2005 al 2011. Ha poi ricoperto la carica di sottosegretario alla Presidenza del Consiglio durante il governo Monti e nel 2013 di viceministro allo Sviluppo Economico, con delega alle comunicazioni, nel governo Letta.

Nel 2003 è stato insignito, per iniziativa del presidente della Repubblica, del titolo di Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana.

Rigoroso durante gli impegni istituzionali, uomo di grande cultura e interessi, nel tempo libero Catricalà si dedicava alle sue passioni, come il teatro, partecipando al format "La storia a processo" di Elisa Greco. Come ricordano queste immagini, quando nel 2019 rivestì il ruolo di avvocato difensore di Robespierre, con puntiglio storico, passione e ironia.

Si parla di

Video popolari

Morto Antonio Catricalà, addio ad un servitore dello Stato

Today è in caricamento