Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nannucci e Prieto a CityLife: Milano pensa l'arte pubblica

Del Corno: vogliamo suscitare desiderio di saperne di più

 

Milano, 10 set. (askanews) - Due nuove opere di arte pubblica per Milano: in occasione della Art Week meneghina, nel parco di CityLife sono stati presentati due importanti lavori di Maurizio Nannucci e Wilfredo Prieto, che rientrano nel progetto ArtLine, pensato per il quartiere e il suo spazio verde. A inaugurare le opere l'assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno.

"Di fatto - ha detto - le opere abitano il parco in maniera molto stimolante e creativa. Non è intesa come una destinazione museale all'aperto, ma proprio come una relazione molto forte tra opere di arte pubblica e uno spazio pubblico me il parco di CityLife. inoltre la presenza di edifici di architettura contemporanea ha stimolato gli artisti a sviluppare una relazione molto forte tra la creatività artistica e l'architettura".

Interessante anche la relazione tra le due nuove opere: da una parte i classici tubi al neon di Nannucci, e le sue frasi ambigue e rivelatorie, dall'altra i massi scultorei scelti da Prieto per la sua installazione. Apparentemente tecniche e posture lontane, che però dialogano bene tra loro e con l'ambiente circostante. Che, ha ricordato Del Corno, non vuole essere una diversa tipologia di museo.

"E' di tutta evidenza - ha concluso Del Corno - che mentre noi scegliamo di entrare in un museo di arte moderna o contemporanea e in quel momento entriamo in un rapporto con le opere che nasce su impulso di un desiderio, l'incontro con l'opera d'arte in un parco pubblico, invece, ha delle circostanze del tutto casuali, legate alla quotidianità della frequentazione di questi spazi pubblici e quindi è un tipo di relazione molto diverso, che può fare sorgere, in chi si imbatte in un'opera il desiderio di conoscere e saperne di più".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento