Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nasce "Erion": 4 consorzi per il ciclo dei rifiuti elettronici

Fonde Ecodom-Remedia; gestirà Raee, pile e batterie e imballaggi

 

Roma, 16 set. (askanews) - Da Ecodom e Remedia, due consorzi leader nella gestione dei Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) e dei Rifiuti di pile e accumulatori (RPA), nasce "Erion", il primo sistema multi-consortile in grado di offrire ai produttori un servizio a 360 gradi per la gestione dei rifiuti associati ai prodotti elettronici (RAEE domestici e professionali), pile e batterie, ma anche, e questa è un'importante novità, imballaggi.

Danilo Bonato, co-direttore generale Erion:

"Unendo le forze, tra Ecodom e Remedia nasce Erion, un sistema che avrà le dimensioni, l'autorevolezza, la capacità innovativa, la modernità per creare un sistema di gestione dei rifiuti elettronici, di batterie e di imballaggi più forte che andrà a migliorarare i servizi che saremo in grado di mettere a disposizione della collettività".

Il sistema Erion è formato da quattro consorzi no profit: Erion Professional per i Raee professionali, la cui quota di raccolta oggi in Italia è appena del 10% a fronte di un obbligo normativo del 65%; Erion WEEE per i Raee domestici, Erion Energy dedicato ai rifiuti di pile e accumulatori, anche quelli specifici di vetture elettriche e ibride, un mercato decisamente in espansione, per finire con Erion Packaging per gli imballaggi, il cui smaltimento oggi è affidato agli installatori o ai rivenditori. Un ciclo responsabile e completo.

A tenere a battesimo il sistema Erion è intervenuto a Roma, all'incontro "Modelli di produzione e consumo sostenibili per il rilancio dell'economia", l'ex ministro del Lavoro, cofondatore e portavoce di Asvis (Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile) Enrico Giovannini:

"È una delle realtà più interessanti, perché l'innovazione è decisiva per far fare al nostro sistema economico e sociale un salto verso lo sviluppo sostenibile e le imprese sono al centro di questo cambiamento. L'economia circolare non è un sogno, è una realtà, ma abbiamo bisogno di investire sulle piattaforme".

Presente alla tavola rotonda a Palazzo delle Esposizioni anche Ilde Gaudiello, dirigente del ministero dell'Ambiente. Non a caso, visto che Erion Packaging è un consorzio creato e gestito dai produttori e diventerà operativo al termine del processo di accreditamento in corso presso il ministero.

"Oggi parliamo molto di economia circolare, per fare economia circolare servono strumenti ed ecco che i produttori, che hanno una responsabilità diretta nel gestire, finanziare, organizzare questi sistemi per ritirare e riciclare i rifiuti, mettono a disposizione dei consumatori e dei cittadini dei nuovi servizi, delle nuove possibilità di investimento per rendere sempre più forte e credibile il sistema di gestione dei rifiuti in Italia e per riuscire a raggiungere gli ambiziosi obiettivi europei", ha preannunciato Bonato.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento