Mercoledì, 3 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Navalny alla sbarra, Mosca irritata su diplomatici al processo

Molti fermi. Tra poche ore arriva Borrell nella capitale russa

Milano, 2 feb. (askanews) - Appare così, dietro a un vetro, Aleksey Navalny in una giornata giudiziaria intensa a Mosca proprio sul caso del blogger in carcere. Un tribunale di Mosca sta valutando una richiesta del Servizio penitenziario federale per annullare i domiciliari per Navalny e sostituirli con una pena detentiva reale: fino a tre anni e mezzo di prigione meno 10 mesi che ha trascorso ai domiciliari. Navalny replica che è assurdo e che nei mesi scorsi era in Germania, fuori dai confini nazionali perchè doveva riprendersi da un tentativo di avvelenamento.

Ampia presenza di forze dell'ordine davanti alla corte, mentre si moltiplicano i fermi: sarebbero ben oltre 230. Inoltre la presenza di diplomatici stranieri al processo nel caso di Navalny irrita Mosca ed è considerata un'interferenza negli affari interni della Federazione Russa e un tentativo dell'Occidente di frenare la Russia, secondo la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

Una posizione netta a poche ore dall'arrivo del capo della diplomazia dell'UE Josep Borrell che dovrebbe visitare Mosca dal 4 al 6 febbraio, in un momento in cui i legami tra Mosca e Bruxelles sono messi a dura prova proprio dal caso Navalny.

E una dura critica arriva anche anche dal portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov: "Sono liberi di agire in conformità con la Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche, ma certamente non al di fuori del quadro di questa convenzione" ha detto Peskov. "Naturalmente, i diplomatici non dovrebbero in alcun modo interferire negli affari interni della Russia e consentire qualsiasi passo che possa essere associato a tentativi di fare pressione sul tribunale indipendente", ha aggiunto Peskov. Intanto il presidente del tribunale Simonovsky di Mosca, Vyacheslav Detishin, che stava valutando il caso Navalny, si è dimesso. Lo ha confermato il servizio stampa del tribunale.

Si parla di

Video popolari

Navalny alla sbarra, Mosca irritata su diplomatici al processo

Today è in caricamento