Mercoledì, 3 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Navalny è di nuovo in tribunale, Walesa lo candida al Nobel

Da Biden e Borrell parole di peso a sua difesa. Ma in Russia

Milano, 5 feb. (askanews) - Aleksey Navalny è di nuovo in tribunale, per un caso di diffamazione contro un veterano della seconda guerra mondiale, a poche ore dalla condanna che ha trasformato i suoi domiciliari in detenzione in una colonia russa. Questa volta si trova sul banco degli imputati per aver chiamato "lacchè" e "traditore" Ignat Artyomenko.

Se il caso Yves Rocher, ovvero il precedente era sicuramente poco comprensibile per il pubblico russo, questa volta gli insulti rivolti a qualcuno che per la cronaca ufficiale russa, è un sopravvissuto della Seconda Guerra mondiale, sfuggito ai nazisti, di sicuro non genera simpatie tra l'opinione pubblica di Mosca. E quindi più che un rischio per Navalny per la possibile pena (multa o lavori sociali), potrebbe risultare un danno alla sua immagine, nel suo Paese.

Ma all'estero è un altro discorso. L'ex presidente polacco, e Nobel per la Pace nel 1983, Lech Walesa ha candidato il dissidente russo al Nobel, poichè "sta combattendo contro il totalitarismo". E parole di peso a difesa di Navalny sono state pronunciate dal presidente degli Usa Joe Biden e dall'Alto rappresentante della politica estera dell'Ue, Joseph Borrell, durante il suo incontro a Mosca con Sergey Lavrov. Proprio mentre veniva reso noto che è morto il medico russo che curò Navalny dopo l'avvelenamento: aveva 55 anni.

Si parla di

Video popolari

Navalny è di nuovo in tribunale, Walesa lo candida al Nobel

Today è in caricamento