rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021

'Ndrangheta, preso boss latitante, fatale emergenza coronavirus

Cesare Cordì, 42 anni, tra i boss della cosca di Locri

Bruzzano Zeffirio, 13 mar. (askanews) - Tradito da una sigaretta e per aver violato le disposizioni del decreto "Io resto a casa" contro il coronavirus. I carabinieri hanno arrestato a Bruzzano Zeffirio in provincia di Reggio Calabria il latitante Cesare Antonio Cordì, 42 anni, esponente di spicco della 'ndrangheta di Locri.

Sono risultate infatti fatali a Cordì le condizioni ambientali generate dall'emergenza sanitaria. L'uomo si è affacciato per fumare ed è stato individuato dai militari dell'Arma che nonostante il tentativo di fuga sono riusciti a arrestare il ricercato. Il 42enne è accusato di numerosi reati tra questi associazione di tipo mafioso, estorsione, detenzione e porto di armi. Sono in corso le indagini per ricostruire la rete di persone che ha favorito la latitanza del 42enne.

Si parla di

Video popolari

'Ndrangheta, preso boss latitante, fatale emergenza coronavirus

Today è in caricamento