Lunedì, 25 Gennaio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

'Ndrangheta, sequestrati beni per 50 milioni a 3 imprenditori

Operazione GdF-Dia in varie regioni italiane da Sud a Nord

Reggio Calabria, 29 ott. (askanews) - La Guardia di Finanza e la Direzione Investigativa Antimafia (Dia) di Reggio Calabria, nell'ambito di un'operazione antimafia denominata "Energie pulite" hanno sequestrato beni per circa 50 milioni di euro riconducibili a 3 imprenditori sospettati di collusione con le cosche reggine della 'ndrangheta, in particolare i Barbaro, "i Nigri" di Platì e i Nirta "Scalzone" di San Luca.

Gli inquirenti hanno accertato la sproporzione tra il patrimonio effettivo e quanto dichiarato dai 3 imprenditori. Hanno quindi fatto luce sulla provenienza illecita delle loro ricchezze e, soprattutto, verificato la natura mafiosa delle attività d impresa svolte - nel tempo - dai tre, quali imprenditori espressione delle cosche di riferimento.

I sequestri hanno riguardato diverse province italiane da Sud a Nord.

Tra le società sequestrate ci sono la "Canale srl", attiva in tutta Italia nel settore della metanizzazione e la "PIVEM srl", azienda attiva nella grande distribuzione.

Si parla di

Video popolari

'Ndrangheta, sequestrati beni per 50 milioni a 3 imprenditori

Today è in caricamento