Lunedì, 14 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel mondo si celebra la fine del Ramadan nonostante il Covid

Preghiere collettive e riunioni, da Istanbul alla Mecca

Roma, 13 mag. (askanews) - I musulmani di tutto il mondo festeggiano la fine del Ramadan e del mese di digiuno. E' la celebrazione di Eid al-Fitr in cui si prega, si fa visita alla famiglia e agli amici, si organizzano banchetti e si fanno atti di carità, nonostante la pandemia che per il secondo anno consecutivo ha fatto vivere questa importante celebrazione tra restrizioni e moschee chiuse.

A Istanbul, in Turchia, molti fedeli pregano dentro e fuori Santa Sofia e in tanti esprimono solidarietà con i palestinesi per l'aggravarsi del conflitto con Israele. A Gerusalemme centinaia di fedeli si sono ritrovati davanti alla Cupola della Roccia, il terzo luogo islamico più sacro al mondo dopo la Mecca e Medina. E proprio alla Mecca, in Arabia Saudita, suggestive le immagini nella Grande Moschea che appare semivuota rispetto al solito con le persone distanziate davanti alla Kaaba per pregare.

Si prega all'aperto in Indonesia, la più grande nazione a maggioranza musulmana del mondo. Molte moschee sono chiuse per il virus e la pandemia preoccupa molto il Paese dove ci sono stati oltre 47mila morti secondo le cifre ufficiali che per molti sono al di sotto della realtà. Preghiere collettive per la fine del Ramadan anche in Cina: la comunità musulmana di Pechino si è ritrovata alla moschea Niujie.

Si parla di

Video popolari

Nel mondo si celebra la fine del Ramadan nonostante il Covid

Today è in caricamento