Giovedì, 15 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel più grande slum del Kenya si teme più la fame del coronavirus

A Kibera, Nairobi, potrebbe essere imposto un lockdown completo

Nairobi, 15 apr. (askanews) - I residenti affollano le strade di Kibera, lo slum più esteso di Nairobi e del Kenya, tanto che lo attraversa una linea ferroviaria. Qui, dove abita il 60% dei residenti della capitale keniana, si vive a stretto contatto. C'è chi teme il coronavirus, ma la maggioranza teme di più la fame, mentre si discute se prolungare il coprifuoco notturno e renderlo un lockdown totale.

Venerdì scorso in questa baraccopoli c'è stata una calca durante la distribuzione di aiuti e ci sono state diverse vittime, soprattutto donne e bambini. Ad Erick Okwama, responsabile Shofco (Shining Hope for Community), associazione di giovani che aiuta lo slum, è morto un amico:

"Se imponi un lockdown per esempio nel paese com'è ora e in un insediamento di questo tipo e la gente non cambia le proprie abitudini, non comprende l'essenza e il significato di adottare le misure precauzionali. Anche se imponi un lockdown e non osservano le misure necessarie, è come se non avessi fatto nulla. La cosa più importante per me è far cambiare le abitudini alle persone e adottare i cambiamenti che sono stati richiesti".

Intanto sui muri sono apparse scritte e disegni che illustrano le regole da seguire per evitare il contagio.

"Se ci impongono un lockdown, come andiamo a procurarci il cibo? - si chiede Monica Ochieng, che vive a Kibera - Se dovesse avvenire, decideremo che è meglio uscire e morire di corona, piuttosto che morire di fame nelle nostre case, perché ora è possibile uscire a guadagnarci quel poco che ci serve almeno per cucinare un piccolo porridge per i nostri bambini. A meno che non abbiano dei piani per fornirci del cibo, allora ci diremo d'accordo".

Il Kenya finora ha isolato la capitale e alcune zone della costa e imposto un coprifuoco notturno e altre misure di distanziamento sociale. Misure che stanno avendo un impatto devastante, con perdita di lavoro tra i poveri, denuncia l'associazione.

"Non possono rischiare di imporre un lockdown soprattutto a Kibera - dice preoccupata Nandy, che vive a Nairobi - che confina con almeno sette diversi quartieri fuori dallo slum. Non possono rischiare che la gente di questo slum patisca la fame e poi le violenze aumenteranno nei quartieri vicini e tutto questo porterà violenze negli altri slum, sarà un cataclisma".

Il coronavirus è arrivato tardi in Africa, ma sta lentamente prendendo piede con oltre 15.000 casi e 800 morti in tutto il continente. I paesi africani hanno tuttavia chiuso rapidamente i confini e vietato gli assembramenti. Mauritius, Rwanda e Tunisia sono stati i primi a imporre dei lockdown totali. Il Sudafrica è la maggiore economia del continente che ha completamente isolato i suoi cittadini, mentre la Nigeria ha imposto il lockdown a Lagos e nella capitale Abuja. Entrambe le città hanno milioni di persone che vivono compresse nelle baraccopoli locali.

Si parla di

Video popolari

Nel più grande slum del Kenya si teme più la fame del coronavirus

Today è in caricamento