Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

New York riscopre scooter e Vespa, facilitano il distanziamento

E sono più economici, ma alcuni non sanno come si guidano

 

New York, 3 ago. (askanews) - Zero code, si parcheggia facilmente, ma soprattutto in tempo di pandemia facilita il distanziamento sociale: è per questo che sempre più newyorkesi utilizzano lo scooter, tra cui anche l'amata Vespa italiana, per i loro spostamenti in città.

"Ho deciso qualche mese fa, durante tutto questo delirio, di iniziare a guidare uno scooter - racconta Alan Taledia, 30 anni, che lavora in un'agenzia di assicurazioni - è molto più facile andare in giro ed è anche più conveniente".

"Invece di fare il pieno nella mia auto per 50 dollari a settimana, ho speso 3 dollari a settimana sullo scooter e come detto si evitano le persone, i contatti, non devi sedere su un Uber con altri, in treno o autobus. È meglio".

C'è stato un vero e proprio boom di acquisti di motocicli nella Grande Mela, come conferma Chris Benson, manager presso Unik Moto:

"È stato verso fine aprile che mi sono accorto che stava davvero accadendo qualcosa, tanta gente veniva e acquistava. Tanta gente entrava a chiedere anche riparazioni. C'è stato un grande boom dalla fine di aprile fino ad oggi, anche quotidianamente".

"Molti produttori non si aspettavano questo boom e non sono stati capaci di prevedere delle vendite così alte. Sono fortunato se riesco ad avere 20 scooter a settimana", ha aggiunto.

Chi però non aveva molta esperienza con le due ruote è rimasto coinvolto in incidenti, anche fatali. Questa settimana, l'azienda di scooter-sharing elettrici Revel ha dovuto interrompere il suo servizio a New York dopo la morte di due persone.

"Non si rendono conto, la gente è molto incosciente su come si guida - spiega Kenny poliziotto e motociclista, 54 anni - loro... hanno bisogno di una lezione di guida, una lezione sulla sicurezza perché, non sanno, salgono, vanno e poi si sa corrono, come sulla bicicletta. Ma ci sono anche ciclisti che non sanno guidare bene".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento