Giovedì, 6 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"No delivery day", rider in piazza per più diritti: non ordinate

La protesta a Napoli: stanno assumendo troppo, zero guadagni

Roma, 26 mar. (askanews) - E' il "No delivery day". Niente consegne dei rider in oltre 30 città italiane, con l'invito ai clienti a non fare ordinazioni sulle piattaforme di consegne a domicilio, cresciute in modo esponenziale da un anno a questa parte con la chiusura di bar e ristoranti e la gente costretta a casa per la pandemia.

La mobilitazione nazionale è stata organizzata dalla rete RiderXiDiritti per porre l'accento sul fatto che in tutta Europa le aziende mettono in regola i ciclofattorini e gli garantiscono diritti, sicurezza e salario. In Italia, invece, in molti ancora rifiutano il confronto con le organizzazioni sindacali per arrivare a contratti che tutelino i rider.

A Napoli è stato organizzato un presidio in piazza Municipio e un blocco stradale che ha creato disagi alla circolazione. Mario Mazza di RiderXidiritti: "Oggi siamo qui per lanciare un messaggio alle piattaforme, abbiamo deciso di aderire allo sciopero per dire basta alle nuove assunzioni e all'abuso di over serving da parte delle piattaforme che per avere più rider il sabato sera continuano ad assumere e noi non abbiamo più consegne in settimana, non abbiamo orario fisso, i guadagni si sono azzerati e le tariffe si sono abbassate. Il contratto firmato il 3 novembre da Assodelivery Ugl non ci ha dato né tutele né diritti, ha peggiorato le nostre condizioni; chiediamo tutele, diritti e un lavoro vero".

Un altro rider: "Siamo diventando troppi, devono bloccare le assunzioni, non si prende più una consegna, rischiamo di fare incidenti con lo scooter, ci mettiamo sotto l acqua con il freddo, rischiamo le rapine, poi c'è l'usura del mezzo, ci perdiamo solo di benzina e assicurazioni. Chiediamo l'orario minimo garantito, anche se non riusciamo a prendere una consegna in due ore, e che si blocchino le assunzioni".

Si parla di

Video popolari

"No delivery day", rider in piazza per più diritti: non ordinate

Today è in caricamento