Domenica, 18 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Novara, maxi sequestro del Noe di rifiuti plastici e cartacei

Nel mirino dei carabinieri 5mila tonnellate di materiale

Milano, 30 apr. (askanews) - I carabinieri del Noe (Nucleo operativo ecologico) di Torino hanno effettuato a Momo, nel Novarese, un maxi sequestro di rifiuti plastici e cartacei illecitamente smaltiti.

Si tratta di oltre 5mila tonnellate di materiale, in parte anche bruciato a causa di un incendio risalente al 2019, individuato in una cartiera nell'ambito delle indagini per contrastare lo smaltimento illecito di rifiuti, anche in ragione dell'emergenza Covid-19 in atto.

Tra il materiale individuato dai carabinieri c'erano anche residui plastici, derivanti dalla separazione della polpa di cellulosa, illecitamente stoccati in un capannone della cartiera in modo non conforme a quanto disposto nell'autorizzazione.

L'emergenza coronavirus in Italia sta portando a una graduale saturazione del mercato della carta e della plastica con il conseguente crollo del valore del materiale recuperato e il lievitare dei costi per lo smaltimento dei rifiuti in termovalorizzatori e discariche nazionali.

Difficoltà a cui vanno aggiunti problemi inerenti al calo della produzione e l'invio dei rifiuti all'estero; fattori che portano al sovrastoccaggio nei piazzali delle varie aziende del settore. Situazione, che in molti casi, nell'ambito dello smaltimento dei rifiuti, favorisce filiere con gestione e capitali illeciti.

Si parla di

Video popolari

Novara, maxi sequestro del Noe di rifiuti plastici e cartacei

Today è in caricamento