Mercoledì, 14 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nuova protesta dei ristoratori a Milano: Non possiamo aprire

"Non possiamo sostenere 100% delle spese con il 20% dell'incasso"

Milano, 12 mag. (askanews) - I ristoratori tornano sotto l'Arco della Pace a Milano, per una nuova protesta messa in scena in rappresentanza di circa 2mila titolari di t bar, pub e ristoranti. Alfredo Zini è il portavoce dei ristoratori contro le misure decise dal governo per la riapertura dei locali.

"A queste condizioni non riapriamo, la ristorazione è sulla via del fallimento, non è possibile, non è pensabile, io non apro".

I ristoratori contestano il regolamento dell'Inail per il distanziamento sociale come spiega Riccardo Minati.

"La difficoltà normativa sanitaria per gestire il personale e i cliento, l'impossibilità di avere un fatturato neanche vicino che avevamo prima di chiudere insieme a dei costi che sono al 100% e sono aumentati, inoltre viene aumentata la responsabilità penale dell'esercente nei confronti del personale e del cliente".

"Non posso sostenere il 100% delle spese con il 20% dell'incasso a essere ottimisti, quindi io a queste condizioni non apro".

Ai colleghi milanesi è arrivata la solidarietà della Toscana e per sabato si preannuncia una manifestazione nazionale dei ristoratori. Per la precedente protesta per violazione del divieto di assembramento una quindicina di manifestanti milanesi sono stati sanzionati dalla polizia.

Si parla di

Video popolari

Nuova protesta dei ristoratori a Milano: Non possiamo aprire

Today è in caricamento