Sabato, 8 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nuovo decreto Covid, no zone gialle a aprile ma possibili deroghe

Scuola in presenza anche in rosso fino alla prima media

Roma, 1 apr. (askanews) - Regioni arancioni o rosse fino al 30 aprile ma con la possibilità di allentare le misure laddove lo consentano l'andamento dell'epidemia e l'attuazione del piano vaccini.

E' quanto prevede il nuovo decreto anti-Covid approvato dal Consiglio dei ministri e in vigore da dopo Pasqua: in sostanza, prorogate le misure previste dal precedente decreto ma con un'apertura nel caso di dati in miglioramento e qualche novità come la scuola in presenza, anche in zona rossa, fino alla prima media. Restano vietati gli spostamenti in tutto il Paese, chiusi bar, ristoranti, cinema, teatri, palestre e piscine, niente visite a parenti e amici, ammesse in arancione all'interno dello stesso comune ma una sola volta al giorno e in un massimo di due persone.

C'è inoltre l'obbligo di vaccinarsi per tutto il personale che opera nella sanità, compresi i farmacisti, approvato lo scudo penale per i vaccinatori e lo stop alla possibilità per i governatori delle Regioni di emanare ordinanze sulla scuola in autonomia. Inoltre, consentiti in presenza i concorsi pubblici con test antigenico negativo e prove in sedi decentrate a carattere regionale.

Si parla di

Video popolari

Nuovo decreto Covid, no zone gialle a aprile ma possibili deroghe

Today è in caricamento