Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ocean Viking, migranti temevano di dover tornare in Libia

Panico sulla nave Ong con 356 migranti a bordo

 

Milano, 22 ago. (askanews) - Paura a bordo della Ocean Viking; mentre la nave solca acque internazionali con a bordo 356 migranti (tra cui 103 minori stranieri, la maggior parte dei quali non accompagnati), tratti in salvo con quattro interventi effettuati tra il 9 e il 12 agosto, in attesa dell'autorizzazione a sbarcare in un porto sicuro, un errore di comunicazione ha portato i profughi a bordo a ritenere di stare per essere rimandati in Libia.

Il malinteso, causato da alcuni ritagli di stampa affissi dai volontari di Medici senza Frontiere e Sos Mediterranée per aggiornare i migranti sulla situazione in corso, ha letteralmente causato una crisi di panico tra i profughi.

Uno degli articoli, infatti, riportava la dichiarazione di un esponente del Ministero degli Esteri norvegese secondo il quale le persone soccorse in mare sarebbero dovuto essere restituite alla Libia o alla Tunisia.

I responsabili delle associazioni umanitarie sono intervenuti immediatamente per chiarire l'equivoco e calmare gli animi.

Anche il sindaco di Lampedusa, Salvatore Martello è intervenuto sulla vicenda sottolineando che il centro di prima accoglienza dell'isola è al collasso; ospita 200 migranti ma ha solo 96 posti. "Se qualcuno deve essere salvato, può attraccare - ha detto - ma se qualcuno a Roma ritiene che dobbiamo affrontare da soli il problema migranti si sbaglia".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento