Domenica, 1 Agosto 2021

Oftalmologia, Piovella (SOI) lancia allarme: serve più attenzione

A conclusione del 18esimo congresso internazionale

Roma, 13 lug. (askanews) - "Perdere la vista è sicuramente meglio che perdere la vita ma chi perde la vista perde il gusto della vita e nel nostro paese non c'è più attenzione e si diventa degli emarginati dal mondo e dal vivere comune".

Il Presidente della SOI, la Società Oftalmologica Italiana, Matteo Piovella, usa parole forti a conclusione del 18esimo congresso Internazionale, lanciando l'allarme sulla mancanza di risorse economiche e sulla considerazione che il sistema sanitario riserva al settore oculistico.

"Oggi si sostiene che l'oculistica non è salvavita e fa solo prestazioni ambulatoriali - dice Piovella - quindi non rientra nei ricoveri economici e nell'attenzione. L'altro grande problema è quello delle tecnologie che sono al massimo livello e che riducono il problema della perdita della vista ma per esempio oggi nel sistema sanitario nazionale queste tecnologie vengono erogate solo nell'1% delle situazioni, e questo deve assolutamente cambiare".

I numeri d'altronde sono già drammatici, come è emerso nel corso del Congresso. Una fotografia a forte rischio per i cittadini. Ancora Piovella:

"Oggi sembra che ci sia una seconda sanità, perchè un sistema che dà l'1% delle potenzialità delle tecnologie evidente crea degli effetti devastanti. Sarebbe difficile da spiegare perchè ma ricordo che nei prossimi 10 anni il numero delle persone cieche nel nostro paese è destinato a raddoppiare. Noi abbiamo due punti critici, nel 2020 la chirurgia della cataratta ha visto non eseguiti 400 mila interventi. L'altro è la terapia delle maculopatie, la terapia salvavista. Abbiamo fatto nel 2020 solo 100 mila iniezioni rispetto al potenziale di un milione che doveva essere".

Si parla di

Video popolari

Oftalmologia, Piovella (SOI) lancia allarme: serve più attenzione

Today è in caricamento