Sabato, 19 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Olafur Eliasson: il nostro modo di guardare si può rinegoziare

L'artista danese: pensiamo al futuro, non è ancora successo

Milano, 14 gen. (askanews) - Olafur Eliasson è uno degli artisti più rilevanti del nostro tempo, capace di portare la riflessione sulla natura e sul nostro ruolo accanto a essa nei principali musei e istituzioni culturali di tutto il mondo. Partecipando a una conversazione online con Marcella Beccaria, organizzata dalla Fondazione CRC e dal Castello di Rivoli, Eliasson ha parlato proprio dell'idea di futuro, collegata al tema dell'ambiente, ma anche a certe visioni utopiche.

"Io guardo avanti - ha detto Eliasson - questo è molto importante. E c'è anche una questione di immaginario, perché quello che sta davanti a noi deve ancora venire, non è ancora successo... è un concetto molto chiaro, ma talvolta è ancora sorprendente".

L'arte contemporanea ha, inevitabilmente, a che fare con la pratica dello sguardo, benché spesso declinato in modi più larghi rispetto al passato. Ma anche questo non è un atto neutro o neutrale. "Ogni modo di guardare - ha aggiunto l'artista danese - è una costruzione che noi abbiamo applicato culturalmente, socialmente, politicamente, economicamente. E' un modo automatico con il quale orientiamo noi stessi e quando lo diamo per acquisito dimentichiamo che invece può essere rinegoziato e che noi umani abbiamo la libertà di cambiare".

Negoziare, ripensare, costruire partendo da basi diverse: questi sono alcuni degli aspetti della pratica di Eliasson, capace di immaginare sia la poderosa installazione di un sole dentro la Tate Modern di Londra sia di dare vita a un laboratorio partecipativo per costruire lampade a impatto ambientale minimo. Ma per un artista che ha fatto della relazione con le comunità un altro elemento chiave (e giustamente problematico) della propria riflessione, questo periodo pandemico è particolare e complesso anche da tale punto di vista, soprattutto per il modo in cui il timore entra dentro le persone.

"La situazione - ha concluso Eliasson - è che per bilanciare il modo in cui parliamo delle cose che ci preoccupano e delle cose che ci fanno paura dovremmo trovare lo spazio per parlare del modo in cui risolverle al meglio e quindi conservare anche del tempo per parlare di altro".

A suo modo anche questo atteggiamento di fronte al presente può essere catalogato come una delle forme che prende la pratica artistica a tutto tondo di Olafur Eliasson.

Si parla di

Video popolari

Olafur Eliasson: il nostro modo di guardare si può rinegoziare

Today è in caricamento