Venerdì, 22 Ottobre 2021

Olimpiadi di Tokyo: il Cio "prende tempo", il Giappone va avanti

Bach: continuiamo a monitorare la situazione ma mancano 4 mesi

Roma, 19 mar. (askanews) - È ancora presto per decidere sul rinvio delle Olimpiadi di Tokyo 2020 che dovrebbero iniziare il 24 luglio, nonostante la pandemia di coronavirus abbia causato la cancellazione di molti eventi sportivi e non. Sebastian Coe, presidente dell'atletica mondiale ha sottolineato che mancano ancora 4 mesi e non bisogna prendere una decisione precipitosa.

Il presedente del Comitato Olimpico (Cio) Thomas Bach ha detto di aver avuto colloqui telefonici costruttivi con decine di rappresentanti di atleti da tutto il mondo da cui ha tratto diversi spunti. "Abbiamo detto che continueremo a essere molto realistici nella nostra analisi, quindi ci siamo posti molte domande riguardanti il sistema di qualificazione e le restrizioni che sono ora in vigore".

E ha aggiunto: "Tutti si sono resi conto che mancano ancora più di 4 mesi". Ma se per il Cio è ancora presto per prendere decisioni, anche se si pensa a un rinvio, il Giappone spinge per andare avanti con fermezza. Il premier giapponese Shinzo Abe ha ribadito la sua volontà di tenere le Olimpiadi in "formato completo" senza ridurne la portata o celebrarle a porte chiuse. La preparazione va avanti e la governatrice di Tokyo Yuriko Koike ha chiarito: "Quello che dico da responsabile della città ospitante è che annullare i Giochi o ospitarli senza spettatori è impossibile".

"Ciò che ci interessa di più è come garantire ai Giochi elevati standard di sicurezza e protezione. Per farlo, dobbiamo battere il nuovo coronavirus, questa è la condizione primaria".

Si parla di

Video popolari

Olimpiadi di Tokyo: il Cio "prende tempo", il Giappone va avanti

Today è in caricamento