Mercoledì, 16 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Omicidio Cerciello, ergastolo per gli americani Elder e Hjorth

La vedova in lacrime: la sentenza non mi ridà Mario

Roma, 6 mag. (askanews) - La sentenza per l'omicidio del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega e il ferimento del collega Andrea Varriale è stata pronunciata dal presidente della Prima Corte d'Assise dopo tredici ore di camera di consiglio nell'Aula Bunker di Rebibbia. "Dichiara Elder Finnegan Lee e Gabriel Christian Natale Hjorth colpevoli dei reati loro ascritti in concorso unificati sotto il vincolo della continuazione e condanna entrambi alla pena dell'ergastolo con isolamento diurno per due mesi e al pagamento delle spese processuali e di custodia cautelare".

I due imputati americani hanno assistito alla lettura del dispositivo. In aula era presente anche Rosa Maria Esilio, vedova del carabiniere che alla lettura della sentenza è scoppiata in lacrime. "È stato un lungo e doloroso processo. Questo non mi riporterà Mario. Non lo riporterà in vita, non ci ridarà la nostra vita insieme. Oggi è stata messa la prima pietra per una giustizia nuova" ha detto la vedova.

Il legale di parte civile Franco Coppi ha commentato così la sentenza per i fatti avvenuti nel luglio del 2019 a Roma, nel quartiere Prati. La sentenza è molto severa perchè colpisce due giovani di 20 anni quindi non posso parlare di soddisfazione ma corrispondente al delitto atroce che è stato commesso".

La difesa dei due imputati che non hanno dato alcun segno di pentimento, ha annunciato che farà ricorso.

Si parla di

Video popolari

Omicidio Cerciello, ergastolo per gli americani Elder e Hjorth

Today è in caricamento