Domenica, 13 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Osservatorio Findomestic: consumi calano dopo 6 anni, boom tech

Crolla l'auto, con i lockdown torna la centralità della casa

Milano, 15 dic. (askanews) - Secondo i dati della 27esima edizione dell'Osservatorio dei consumi Findomestic, realizzato in collaborazione con Prometeia, gli acquisti di beni durevoli in Italia scendono nel 2020 a 61,3 miliardi di euro con una contrazione dell'11,4% rispetto al 2019, in linea con il trend dei consumi tout court. I cali più pesanti si registrano in Lombardia (-12,7%), Veneto (-12,4%) e nelle Marche (-12%). L'anno del Covid ha letteralmente stravolto i consumi e le abitudini degli italiani, con molti segni meno, come per esempio il -15,7% delle spese per i veicoli (e nel complesso il comparto auto perde il 19,3%) o il -10,6% di quelle per i mobili, ma anche con dei forti segni più, come il +23,5% dell'Information technology, unico segmento con bilanci positivi in tutti i singoli mesi del 2020, con un picco di crescita del 47,8% a maggio.

"L'andamento dei consumi - ha spiegato Claudio Bardazzi, responsabile Osservatorio Findomestic - riflette i cambiamenti nella vita degli italiani innescati dall'emergenza sanitaria. I lockdown e le misure restrittive hanno restituito centralità alla dimensione familiare e anche alla casa, che gli italiani cercano di rendere più confortevole, ma anche più funzionale, dotandola di quelle tecnologie necessarie oggi allo smart working, alla didattica a distanza e anche all'intrattenimento. Si spiega così il boom di pc, tablet, webcam, piccoli elettrodomestici, ma anche l'exploit di wine cabinet e congelatori".

Nel dettaglio di alcune voci nel comparto tecnologico, i numeri segnalano un +60,3% per le webcam e un +53,1% per i computer portatili, per un giro d'affari complessivo da 2,4 miliardi di euro. In questo settore positivo, con un +9,5%, anche il mercato dei piccoli elettrodomestici. In calo invece la spesa per la telefonia, -6,9%, con proprio gli smartphone a segnare frenate nelle vendite.

L'Osservatorio Findomestic poi evidenzia l'affermazione dell'e-commerce: oggi il 56% degli italiani preferisce comprare su Internet anziché in negozio. È la prima volta che i canali digitali scavalcano quelli fisici nelle intenzioni d'acquisto. Tendenza che, seppur condizionata da variabili emergenziali come le chiusure delle attività o le limitazioni alla mobilità, si è andata via via consolidando anche con l'allentamento delle restrizioni tant'è che oggi il 44% dichiara di acquistare di più su Web rispetto all'era pre-Covid.

E poi c'è il tema del credito al consumo, che abbiamo affrontato con Simona Viscusi, responsabile Brand e comunicazione corporate Findomestic banca. "Anche il mercato del credito al consumo - ci ha spiegato - ha risentito della crisi pandemica, infatti, nei primi dieci mesi dell'anno Assofin registra un meno 22,2% di flussi di erogazione. Findomestic ha fatto meglio del mercato: nei primi dieci mesi registra un meno 20,6%".

Il calo complessivo degli acquisiti di beni durevoli fatto registrare dal 2020 arriva dopo sei anni ininterrotti di crescita. A ulteriore testimonianza del fatto che il 2020 è stato una sorta di spartiacque, non solo a livello di sanità.

Si parla di

Video popolari

Osservatorio Findomestic: consumi calano dopo 6 anni, boom tech

Today è in caricamento