Mercoledì, 12 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Patto Usa-Giappone "contro aggressioni e coercizioni della Cina"

Blinken e Lloyd a Tokyo rilanciano l'alleanza difensiva regionale

Roma, 17 mar. (askanews) - Rafforzare e rinnovare l'alleanza fra Stati Uniti e Giappone per contrastare la Cina, sempre più aggressiva sullo scacchiere internazionale: è l'impegno confermato a Tokyo dal segretario di Stato americano Antony Blinken e dal capo del Pentagono Lloyd Austin ai loro omologhi giapponesi nella prima missione all'estero della nuova amministrazione Usa di Joe Biden. Una destinazione non casuale, per recapitare un messaggio chiaro a Pechino: Stati Uniti e Giappone hanno capacità, piani e concetti operativi per fornire un deterrente credibile nei confronti del colosso asiatico.

Antony Blinken non ha usato mezzi termini: "La Cina usa la coercizione e l'aggressione per erodere sistematicamente l'autonomia di Hong Kong, minare la democrazia a Taiwan, conculcare i diritti umani nello Xinjiang e in Tibet e affermare rivendicazioni marittime nel Mar cinese meridionale che violano il diritto internazionale.

"Siamo uniti nella visione di una regione Indo-Pacifica aperta e libera, in cui i paesi seguono le regole, cooperano in tutti i modi possibili e risolvono le loro controversie pacificamente. In particolare, reagiremo se necessario quando la Cina usa la coercizione e l'aggressione per raggiungere i suoi fini".

In una dichiarazione congiunta, Blinken, Austin e le loro controparti giapponesi, Toshimitsu Motegi e Nobuo Kishi hanno espresso "serie preoccupazioni" per il comportamento della Cina e per i "recenti sviluppi dirompenti nella regione, come la legge della Guardia costiera cinese".

Questa legge, adottata da Pechino il primo febbraio, ha sollevato gravi preoccupazioni a Tokyo perché le navi della Guardia costiera cinese si sono ripetutamente introdotte nelle acque giapponesi intorno all'arcipelago delle isole Senkaku nel tentativo evidente di minare il controllo di Tokyo.

Si parla di

Video popolari

Patto Usa-Giappone "contro aggressioni e coercizioni della Cina"

Today è in caricamento