Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pedopornografia, scoperta chat dell'orrore: 20 minori coinvolti

L'operazione a Firenze, i ragazzi si scambiavano filmati hard

 

Roma, 11 lug. (askanews) - Si scambiavano filmati hard attraverso Whatsapp, Telegram, e social network: 20 minorenni sono stati denunciati dalla Polizia postale che ha scovato delle vere e proprie "chat dell'orrore". I reati contestati sono detenzione, divulgazione, cessione di materiale pedopornografico e istigazione a delinquere aggravata.

L'operazione è della polizia postale di Firenze. La vicenda è iniziata quando una madre lucchese, trovando sul cellulare del figlio quindicenne numerosi filmati hard con protagoniste giovanissime vittime, si è rivolta alla Polizia Postale chiedendo aiuto.

Dall'analisi del telefonino è emerso un numero esorbitante di filmati e immagini pedopornografiche. Presenti anche numerosi file "gore" (dall'inglese "incornare"), la nuova frontiera della divulgazione illegale, video e immagini provenienti dal dark web raffiguranti suicidi, mutilazioni, squartamenti e decapitazioni di persone, in qualche caso di animali.

Il più "anziano" del gruppo ha compiuto da poco 17 anni, il più giovane ne ha 13. A far parte delle chat dell'orrore vi erano anche 7 adolescenti, tutti 13enni. Sono stati sequestrati decine di telefonini e computer.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento