Venerdì, 18 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Perché le chiese sì e i teatri no? Prosegue la protesta a Parigi

I sindacati mondo spettacolo si rivolgono al Consiglio di Stato

Parigi, 21 dic. (askanews) - Dalla "cultura" al "culto", come recita uno striscione componibile. Per protestare contro la proroga delle chiusure dei luoghi culturali decisa dal governo francese, a Parigi diverse decine di rappresentanti del mondo della cultura e dello spettacolo si sono radunati davanti al Consiglio di Stato, chiamato a esaminare un "référé liberté", ovvero un consulto sul diritto fondamentale della libertà, depositato dai sindacati di settore.

"Siamo qui per farci sentire - ha spiegato Denis Gravouil, segretario generale della Cgt Spettacoli - perché consideriamo la non riapertura dei luoghi di spettacolo, delle sale cinema, uno scandalo in termini di equità in rapporto ad altri luoghi. Come ricordano i nostri compagni con lo striscione 'cultuel' 'culturel', quale è la differenza tra fare un concerto in una chiesa e una messa? Non parlo della destinazione, ma in termini di accoglienza del pubblico, non c'è alcuna distinzione".

"Ciò che è certo è che il governo non ha sacrificato i negozi durante il Natale, quando vediamo i centri commerciali pieni e le sale spettacolo vuote, diciamo che ci sono due pesi e due misure e ciò è particolarmente scandaloso".

Si parla di

Video popolari

Perché le chiese sì e i teatri no? Prosegue la protesta a Parigi

Today è in caricamento