Domenica, 13 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Polonia dice addio al carbone dal 2049, è boom di energia solare

Paese accelera la transizione ecologica con sussidi green

Roma, 19 mag. (askanews) - Il governo polacco e i sindacati dei lavoratori minerari hanno firmato un accordo per chiudere l'ultima miniera di carbone al più tardi entro il 2049, un segno che anche il Paese Ue con l'economia più grande fra quelli dell'Europa orientale sta in qualche modo avanzando nella transizione ecologica, con sempre più privati e istituzioni pubbliche che scelgono l'energia solare.

Dawid Zielinski, ceo di Columbus Energy, azienda specializzata in energia solare:

"Dieci anni fa, nessuno in Polonia sapeva come pronunciare la parola fotovoltaico! Sette anni fa, non credo che i consumatori credessero che la tecnologia fotovoltaica fosse presente su un tetto su tre nel Paese. Oggi, tutti sanno molto bene che l'energia solare, eolica o altri tipi di energie rinnovabili sono l'unico percorso per evitare presto di dover pagare bollette salate".

"L'anno scorso la Polonia era tra i leader europei quando si è trattato di crescita dell'energia fotovoltaica. Stiamo assistendo a un boom di costruzione di centrali fotovoltaiche. La Polonia ha appena iniziato la sua avventura in questo settore, mentre i Paesi dell'Ovest sono molto più avanti. Credo che anche la Polonia diventerà un leader in questo settore".

Un vero e proprio boom di energia solare sta spingendo la Polonia a grandi passi verso l'abbandono del carbone, qui chiamato "oro nero", che soddisfa ancora l'80% dei bisogni energetici. Grazie ai sussidi messi a disposizione dal governo i pannelli fotovoltaici sono spuntati in poco tempo un po' ovunque. Nella città meridionale di Skawina, uno dei primi residenti a cambiare il suo vecchio boiler per dei pannelli solari è stato Andrzej Machno, 74 anni, ex oste.

"Questo non mi preoccupa più vista la mia età, ma volevo che i miei figli e i miei nipoti fossero capaci di respirare aria pulita. Non so quando tutto questo diventerà realtà, ma le cose dovrebbero cambiare più velocemente rispetto ad ora".

"Lo svantaggio... è che prima dovevo caricare 6 tonnellate di carbone nel boiler ogni mese e poi rimuovere la cenere, mentre ora sto seduto con una birra e sono ingrassato", ha ironizzato.

Tra gli edifici pubblici dotati di pannelli fotovoltaici c'è anche il penitenziario di Tarnow, città con clima mite nel Sud della Polonia. Il direttore del carcere, Maiciej Molde:

"Abbiamo dei detenuti che chiedono il numero dei pannelli solari sul tetto da quando non possono vederli dalle loro celle, nonché la capacità e la quantità di energia risparmiata".

Si parla di

Video popolari

Polonia dice addio al carbone dal 2049, è boom di energia solare

Today è in caricamento