Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rapporto Federchimica: le nostre industrie da sempre sostenibili

Presentata a Ecomondo la 25esima edizione del Responsible Care

 

Rimini, 6 nov. (askanews) - Le industrie della chimica in Italia sono sempre state sostenibili, per l'attenzione che hanno sempre rivolto all'ambientale, al sociale e alla vita economica del Paese. Lo dimostrano i dati che vengono raccolti dal Rapporto annuale "Responsible Care", giunto alla sue 25esima edizione, presentato a Ecomondo.

L'industria chimica - si legge nel Rapporto - si conferma un comparto virtuoso nella sicurezza e nella salute dei dipendenti, con un bassissimo numero di infortuni e malattie professionali rispetto alle ore lavorate; è già in linea con gli obiettivi dell Unione europea sui cambiamenti climatici al 2020 e al 2030. Rispetto a 30 anni fa ha ridotto i gas serra del 59% e migliorato l efficienza energetica di oltre il 55%; inoltre le emissioni in atmosfera ed effluenti negli scarichi idrici si sono drasticamente ridotti del 95% e del 77%. Il settore è impegnato con determinazione a perseguire il modello dell economia circolare, prevenendo per quanto possibile la produzione di rifiuti, di cui il riciclo è la prima modalità di smaltimento (24%), mentre alla discarica si ricorre solo nel 4,5% dei casi.

Gerardo Stillo, Presidente Programma Responsible Care Federchimica: "Se parliamo di energia le industrie aderenti alla Responsible Care hanno già raggiunto gli obiettivi fissati dalla Comunità economica europea per il 2020-2030. Se poi parliamo di CO2 che è tanto di moda col discorso dei cambiamenti climatici anche qui le aziende hanno già raggiunto gli obiettivi del 2020 con una riduzione del 20% e per il 2030 del 40%".

"Parliamo molto di economia circolare: le aziende sono state sempre 'circolari', anche se probabilmente non c'era il termine, venivano indicate come 'recupero'. Oggi il riciclo dei nostri rifiuti è intorno al 24%". "Oggi dei rifiuti che vanno a termocombustione sono meno del 5% - ha aggiunto - se solo si riuscisse ad aprire dal punto di vista normativo, è chiaro che la parte dei recuperi raggiungerebbe dei valori che possono superare anche l'80% perché è interesse dell'azienda nel rispetto delle leggi e delle norme".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento