Lunedì, 1 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rebus Regioni, Lombardia e Piemonte premono per zona arancione

L'Abruzzo invece diventa rossa, a rischio anche la Puglia

Roma, 17 nov. (askanews) - Le misure di lockdown per contrastare il coronavirus sembrano dare i primi frutti: da quattro giorni in Lombardia e Piemonte, le prime Regioni a diventare "zona rossa" - cioé con le massime restrizioni - la crescita del contagio sembra rallentare e i numeri stanno dando ragione al governo. Le due regioni tecnicamente sono scese a livello arancione. "Le prime regioni entrate in zona rossa dovrebbero essere anche le prime a uscirne", aveva confermato il ministro della Salute, Roberto Speranza.

A salire invece nel livello di "restrizioni" è l'Abruzzo che dal 18 novembre 2020 diventa zona rossa. Particolare attenzione sulla Puglia, dove i medici di base hanno chiesto la zona rossa e sul Lazio che resiste in fascia gialla ma dove preoccupano l'aumento dei positivi rispetto ai tamponi e il numero dei ricoverati. Rimangono in giallo anche il Veneto (dove Zaia ha presentato il primo tampone fai da te), la Sardegna, il Molise e la provincia di Trento.

Si parla di

Video popolari

Rebus Regioni, Lombardia e Piemonte premono per zona arancione

Today è in caricamento