Giovedì, 25 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Recovery, Conte: +3% Pil nel 2026. Restano tensioni nel governo

Si cercano volenterosi per formare gruppi. Iv: preoccupa stallo

Roma, 22 gen. (askanews) - Il Recovery Plan è migliorabile e il contributo dei sindacati sarà valorizzato ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, incontrando i leader di Cgil, Cisl e Uil. Il premier ha incoraggiato un confronto "intenso e costruttivo" sulla versione aggiornata del piano che ha definito "migliorata" e che "secondo le prime valutazioni", ha detto, con "gli investimenti, gli incentivi e le riforme" porterà a una crescita di 3 punti di Pil nel 2026.

Ma se da una parte Conte va avanti sul Recovery Plan, dall'altra le tensioni politiche non si placano. Si punta a creare gruppi parlamentari di "volenterosi" a sostegno del governo e si guarda soprattutto ai centristi anche se la notizia del segretario dell'Udc Lorenzo Cesa, indagato dalla Procura di Catanzaro per concorso esterno in associazione mafiosa, che si è dimesso, è arrivata come una tegola sulla maggioranza.

Intanto, deputati e senatori di Italia Viva hanno espresso preoccupazione sulla situazione di stallo, ribadendo "la necessità, già espressa nel dibattito parlamentare, di una soluzione politica che abbia il respiro della legislatura e offra una visione dell'Italia per i prossimi anni".

L'opposizione è salita al Colle da Mattarella ribadendo che questo governo non può andare avanti e l'unica soluzione sono le elezioni. E anche il Pd inizia a vedere nero. Il vicesegretario Andrea Orlando, intervenendo a Piazzapulita' su La7 ha detto chiaramente che vede vicino il voto. "Purtroppo sì - ha ammesso - perché è stata buttata all'aria la strada che ritenevano percorribile e non ne è stata creata un'altra".

Si parla di

Video popolari

Recovery, Conte: +3% Pil nel 2026. Restano tensioni nel governo

Today è in caricamento