rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024

Regionali: trionfo centrodestra, la sinistra piange su spaccature

Lombardia e Lazio, vincono Fontana e Rocca, drammatica astensione

Roma, 13 feb. (askanews) - Un trionfo per il centrodestra la tornata elettorale delle regionali nel Lazio e in Lombardia. Francesco Rocca, scelto da Giorgia Meloni in rappresentanza dei tre partiti della coalizione di governo, sarà il nuovo presidente laziale, sfiora il 50% dei voti espressi e strappa la Regione al centrosinistra che la guidava con Nicola Zingaretti.

Mentre a Milano è il candidato Attilio Fontana a vincere un secondo mandato con oltre il 55% dei voti per la grande soddisfazione del leader del partito, Matteo Salvini, che raggiante parla del buongoverno della Lega, e Fontana aggiunge: "Anche da parte mia grazie ai lombardi che hanno riconosciuto il lavoro che abbiamo fatto e non hanno guardato alle polemiche ma ai fatti veri".

Per il neogovernatore del Lazio, già presidente della Croce Rossa, il primo compito è risollevare la sanità regionale: "risollevare una sanità che è troppo distante e mortifica la dignità dei cittadini, e anche il dato dell'astensione porta un senso di responsabilità".

Tutte le parti politiche infatti riflettono con amarezza sul dato dell'affluenza, che ha segnato il suo punto più basso nella storia: il 41,6 % in Lombardia, appena il 37,2% nel Lazio.

Sul significato di queste percentuali si discuterà a lungo, intanto i candidati sconfitti accusano le spaccature: così in Lombardia Pierfrancesco Majorino, dem sostenuto anche dai CinqueStelle, che annuncia le dimissioni da europarlamentare per fare opposizione: "Mi auguro che il Terzo Polo rifletta sulla scelta che lo ha portato a sostenere Letizia Moratti. Credo che gli elettori meritassero una coalizione unita, sempre".

Situazione rovesciata nel Lazio dove Alessandro d'Amato era sostenuto dal Terzo Polo ma non dai Cinque Stelle. Il contrasto sul termovalorizzatore per Roma, dichiara l'ex assessore alla sanità di Zingaretti, era solo un pretesto e gli elettori hanno dato torto al partito di Giuseppe Conte: "La volta scorsa presero circa il 27%, alle politiche un dato superiore al 14, adesso bisogna vedere i risultati ma potrebbero andare anche sotto al 10".

Si parla di

Video popolari

Today è in caricamento