Martedì, 20 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riapre il pronto soccorso di Codogno, subito un caso sospetto

Qui diagnosticato il primo caso in Italia. Chiuso per 100 giorni

Codogno, 4 giu. (askanews) - Ha riaperto dopo oltre tre mesi il pronto soccorso dell'ospedale di Codogno, in provincia di Lodi, dove è stato diagnosticato il primo caso in Italia di Coronavirus Sars-Cov2.

La struttura nel lodigiano era stata chiusa nella notte tra il 20 e il 21 febbraio 2020, dopo che l'anestesista Annalisa Malara intuì che un paziente potesse essere stato contagiato dal Coronavirus. Una intuzione grazie alla quale è stata insignita dell'onorificenza di Cavaliere al merito della Repubblica da parte del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Tra le prime persone a varcare la soglia del riaperto pronto soccorso anche un sospetto positivo al Covid, sottoposto a tampone per la conferma della diagnosi.

La riapertura giunge due giorni dopo la visita del Capo dello Stato nella città simbolo del primo focolaio d'Italia di Covid-19. Alla cerimonia hanno partecipato tra gli altri i vertici della Asst di Lodi, i dirigenti medici e il sindaco di Codogno, Francesco Passerini.

Si parla di

Video popolari

Riapre il pronto soccorso di Codogno, subito un caso sospetto

Today è in caricamento