Lunedì, 19 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riaprono le scuole in Francia: mascherina per 12,4 mln studenti

Ripartenza "preparata" per il governo: inquietudini dei genitori

Roma, 1 set. (askanews) - Primo settembre, gli studenti francesi rientrano a scuola: una ripartenza "il più normale possibile" per i 12,4 milioni di ragazzi, ha assicurato il governo, nonostante il forte aumento del numero dei contagiati Oltralpe. Un nuovo inizio "ben preparato", ha detto il ministro dell'Istruzione Jean-Michel Blanquer.

Ma non tutti sono d'accordo, come questo padre: "Siamo contenti che tornino a scuola, benissimo, è importante, però ci si muove tutti alla cieca. E' la vita, cercheremo delle soluzioni, le mascherine, il distanziamento, insomma non lo sa nessuno".

Stessi problemi che in Italia, e altrove, incertezza sulle regole. Vivamente consigliato il distanziamento sociale, ma non sarà obbligatorio. Obbligo, invece, di mascherina per insegnanti e allievi, anche durante la ricreazione. Ognuno dovrebbe portare il proprio dispositivo di sicurezza ma gli istituti scolastici avranno delle scorte di emergenza in caso di necessità.

I genitori che desiderano accompagnare i propri figli, come avviene solitamente nella scuola materna, potranno farlo a determinate condizioni. Una scuola della regione degli Hauts-de-Seine, ad esempio, ha chiesto che un solo genitore possa accompagnare il figlio.

Come sempre in Francia però, colpisce la calma certezza di avere dei diritti, come questa madre:

"Mio figlio è sordo, la mascherina obbligatoria è un problema perché non vede il viso degli insegnanti e dei compagni. Penso che ci saranno soluzioni proposte dagli insegnanti, per esempio portare una mascherina con una parte trasparente o delle visiere".

La preside della città scuola Rodin a Parigi, Julie Bouvry, predica la flessibilità: bisogna spiegare tutto ai bambini, che hanno grande senso della responsabilità; e poi, dice, "Di volta in volta decideremo che risposte dare in base alla situazione, anche la situazione sanitaria che cambia di giorno in giorno e a volte di ora in ora, ci adatteremo. Essere flessibili fa parte del nostro compito, e quindi lo faremo".

Si parla di

Video popolari

Riaprono le scuole in Francia: mascherina per 12,4 mln studenti

Today è in caricamento