rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024

Riconoscimento dello Stato palestinese, i cittadini di Gaza: bene ma tardivo

Ottimismo e speranza dopo l'annuncio di Norvegia, Spagna e Irlanda

Gaza, 22 mag. (askanews) - Nei territori palestinesi c'è speranza e ottimismo dopo l'annuncio di Norvegia, Irlanda e Spagna di aver riconosciuto lo Stato palestinese. Soprattutto fra gli sfollati da Gaza.

"È un buon passo anche se, purtroppo, è tardivo - dice Nasser al-Batniji - dopo più di 70 anni di occupazione, hanno finalmente riconosciuto lo Stato di Palestina. Non siamo sicuri se la guerra attuale a Gaza e la sofferenza del popolo palestinese è la ragione dietro la decisione o se ci sono stati cambiamenti di cui non siamo a conoscenza".

Awni Khattab è sfollato da Gaza.

"Speriamo che questa decisione venga attuata e che, lungo i confini del giugno 1967, venga creato uno Stato palestinese sulla base della soluzione 'due popoli, due Stati', come richiedono la comunità internazionale, gli Stati europei e quelli arabi. Siamo amanti della pace e della vita persone e vogliono coesistere con persone di ogni convinzione e religione".

Per Midhat Hilles "il riconoscimento di uno Stato palestinese dovrebbe essere un diritto della Palestina da cent'anni. Per quanto riguarda Israele, la sua posizione è nota e tutti si rendono conto che la sua posizione, durante gli anni di occupazione, è ostile nei confronti dei palestinesi".

"C'è grande simpatia solidarietà con per i palestinesi - dice Um Tarek al-Araj - anche nelle università degli Stati Uniti, in ogni istituzione e in tutti i Paesi stranieri".

Si parla di

Video popolari

Today è in caricamento