Lunedì, 21 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ricordando Falcone: tre innovazioni per combattere le mafie

Proposte Procuratore antimafia e antiterrorismo Cafiero De Raho

Roma, 22 mag. (askanews) - Velocizzazione del processo penale con dibattimenti centralizzati a livello distrettuale; migliore gestione dei beni e delle imprese sottratti alle mafie, il cui obbiettivo è non far funzionare le aziende e le attività confiscate; protezione non solo dei testimoni e collaboratori di giustizia, ma anche dei cittadini che denunciano, per esempio il pizzo: sono le proposte del procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Federico Cafiero De Raho in una videointervista ad askanews, nel ventinovesimo anniversario della strage di Capaci.

"La lezione di Falcone -dice Cafiero De Raho - si riassume nei tre pilastri che guidano il contrasto alla criminalità organizzata: centralizzazione e distribuzione delle conoscenze grazie alla banca dati del circuito giudiziario antimafia; seguire il percorso del denaro e attraverso i flussi finanziari ricostruire i legami; collaborare attivamente a livello internazionale. Sono tutti elementi che nascono dall'idea di Falcone di uffici giudiziari in grado di combattere la mafia in tutte le sue manifestazioni, che ha dato luogo a una legislazione molto avanzata che èun modello nel mondo".

Per evitare le infiltrazioni mafiose nella gestione degli appalti del Recovery Plan, Cafiero De Raho sottolinea le attività di prevenzione, monitoraggio e repressione, gia' in atto per esempio per gli appalti legati alla pandemia: "Già nel marzo 2020 abbiamo istituito tavoli tecnici con Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Ufficio delle Dogane per individuare le migliori strategie per contrastare l'infiltrazione delle mafie nelle imprese e le importazioni sospette di dispositivi medici per milioni e milioni di euro effettuate dalla criminalità organizzata attraverso società costituite in Paesi con cui è più difficile la cooperazione".

Sulla frase di Falcone che diceva che come tutti i fenomeni storici la mafia ha avuto un inizio e avrà una fine, il Procuratore antimafia conclude: "La mafia ha la capacità di trasformarsi e mimetizzarsi. La mafia dei territori è diventata mafia degli affari ed e' in grado di penetrare nei settori economici più redditizi dove reinvestire i proventi dei traffici illeciti, soprattutto del traffico di stupefacenti. Per cui diciamo che la fine della mafia si puo' sicuramente prevedere, ma non è a breve termine".

Si parla di

Video popolari

Ricordando Falcone: tre innovazioni per combattere le mafie

Today è in caricamento