Domenica, 7 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ristorazione, persi 578.000 posti di lavoro. Fatturato -10 mld

Vendite diminuite del 48%. Ora puntare sui fondi europei residui

Roma, 11 gen. (askanews) - La ristorazione è tra i settori più colpiti dalla pandemia: si sono persi circa 578.000 posti di lavoro, le vendite sono diminuite del 48% e si è registrata una perdita di fatturato intorno ai 10 miliardi di euro. La crisi, dovuta a divieti e restrizioni orarie causa Covid-19, sta interessando circa 330.000 attività tra bar, ristoranti e mense, circa 70.000 industrie alimentari e circa 740.000 aziende agricole che danno lavoro a oltre 3.600.000 persone.

Gli ammortizzatori previsti dai vari decreti "Ristori" emanati dal Governo sono, di fatto, insufficienti a "ristorare" davvero chi è stato colpito dalla crisi e si trova a gestire un'attività tra ingenti costi fissi e variabili e minime entrate. L'aver deciso una chiusura dei ristoranti durante le festività natalizie ha causato un ulteriore ammanco degli incassi, proprio nel periodo in cui solitamente c'è maggior movimento, andando a pesare in modo significativo su un bilancio già profondamente in rosso.

In pochi hanno chiesto i fondi europei dell'agenda 2014-2020 per questo, molti dei soldi messi a disposizione delle PMI non sono stati utilizzati. Per fortuna, non tutto è perso, c'è la possibilità di ricorrere ai cosiddetti residui , ossia i finanziamenti europei che l'Italia non è stata capace di utilizzare e che sono "avanzati" dallo stanziamento iniziale.

Si parla di

Video popolari

Ristorazione, persi 578.000 posti di lavoro. Fatturato -10 mld

Today è in caricamento