Martedì, 2 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Roma, manifestazione di docenti e studenti: stop a classi pollaio

Chiedono a gran voce investimenti sull'istruzione

Roma, 25 gen. (askanews) - Stop alle classi pollaio, immediata assunzione dei precari della scuola italiana, investimenti seri e veloci sull'edilizia scolastica, tracciamento capillare all'interno delle scuole.

Sono queste le richieste di studenti e docenti che si sono radunati davanti al ministero della Pubblica Istruzione per una manifestazione, svolta in contemporanea in decine di città italiane.

Docenti, studenti e sindacati chiedono che i soldi vengano utilizzati per una riduzione significativa del numero di alunni per classe e per il conseguente ampliamento dell'organico docente e ATA.

Massimo Albisetti, segretario regionale Uil Scuola Lazio: "Vogliamo essere in presenza - ha detto - ma sicuri e questo significa trovare soluzioni. Cercheremo di trovare proposte per assicurare una gestione sicura delle scuole. La scuola è sicura, il problema è arrivarci. Altro problema: il personale scuola docente e non docenti non può fare il tampone così rapidamente come gli studenti".

Il sindacalista ha poi lanciato un appello alla ministra Azzolina: "Ministro, ascoltaci. Dacci retta, ascolta i ragazzi e ascolta il personale della scuola".

Luca Ianniello, rete degli studenti medi: "Siamo qui, davanti al ministero per rivendicare la necessità ora di ripensare il modello scolastico, c'è bisogno di investire i soldi del Next Generation, c'è bisogno di costruire la nuova scuola costruendo un modello della scuola che ripensi la didattica, che dimezzi le classi che oggi sono stracolme di alunni e assuma docenti. Una nuova scuola per questo paese. La pandemia ci ha insegnato che la scuola così non funziona".

Giulia Pezzella, docente precaria delle scuole medie: "La cosa principale che chiediamo è che vengano formate classi con al massimo 18 studenti, io direi 15, per allinearci con gli stati dell'Ue. E per dare la giusta attenzione ai ragazzi".

Siria del Liceo Archimede: "Siamo qui oggi per richiedere investimenti seri nel mondo della scuola. C'è l'occasione del recovery fund e del next generation Ue che andrebbero spesi secondo me sul mondo della scuola".

Gli fa eco uno studente del Liceo scientifico nomentano. "Le classi pollaio - ha concluso lo studente - sono un problema grave, gli spazi non ci sono. Le classi pollaio impediscono di fare lezione in modo efficace".

Si parla di

Video popolari

Roma, manifestazione di docenti e studenti: stop a classi pollaio

Today è in caricamento