Sabato, 23 Ottobre 2021

Salute, Fregolent e Provenza: la medicina territoriale è decisiva

Dai due parlamentari plauso a iniziativa clinica mobile Aisc-Fir

Roma, 29 set. (askanews) - I parlamentari che si occupano di sanità guardano con favore all'iniziativa ideata dall'Associazione Italiana Scompensati Cardiaci e dalla Fondazione Italiana Rene - con il contributo incondizionato di AstraZeneca - per la prevenzione dello scompenso cardiaco e della malattia renale cronica: una clinica mobile in giro per l'Italia che offre gratuitamente analisi per individuare queste due patologie, spesso sotto-diagnosticate.

La senatrice Sonia Fregolent, componente della Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama: "Desidero innanzitutto ringraziare l'Aisc e la Fondazione del Rene per l'iniziativa che vedrà il loro camper viaggiare per le strade italiane per sensibilizzare su queste problematiche che sono assolutamente in linea con quanto stiamo facendo in Commissione Sanità, dov'è all'esame il mio Ddl sugli screening cardiovascolari. Ricordiamoci che in Italia e in Europa le malattie cardiovascolari sono i primi fattori di morte".

Un plauso arriva anche dal deputato Nicola Provenza, presidente dell'Intergruppo Parlamentare sulla Cronicità: "Queste iniziative sono molto importanti perché riescono a portare a fuoco dei temi centrali, in particolare rispetto ai bisogni assistenziali. Questi bisogni sanitari ci dicono che in questo momento noi dobbiamo considerare due fattori: in particolare la prevalenza delle malattie croniche non trasmissibili e anche, altro fattore non trascurabile, il progressivo invecchiamento della popolazione, ciò che noi chiamiamo transizione epidemiologica e transizione demografica".

Sullo sfondo il dibattito su come adattare il Servizio sanitario ai nuovi bisogni della popolazione. Secondo Fregolent una rete di supporto ai pazienti con scompenso cardiaco dovrebbe essere costruita così: "Io credo che la rete debba prevedere una integrazione tra ospedale e territorio con un approccio multidisciplinare del paziente che preveda dei follow up strutturati, una sensibilizzazione e una responsabilizzazione del paziente sul tema, un'ottimizzazione dei farmaci nonché un supporto psicologico necessario in questi casi e un corretto miglior accesso alle cure".

Per Provenza un ruolo centrale nel potenziamento della sanità sul territorio, fattore decisivo per l'efficienza del Sistema, lo avranno le Case della Comunità previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza che nella missione 6 sulla Salute prevede obiettivi ben precisi: "Io qui vorrei assolutamente ricordare il rafforzamento della prevenzione, la medicina di prossimità, la digitalizzazione del Servizio Sanitario e direi, non per ultimo, l'importanza, la garanzia dell'equità dell'accesso alle cure".

Si parla di

Video popolari

Salute, Fregolent e Provenza: la medicina territoriale è decisiva

Today è in caricamento