Martedì, 11 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salvini sulla Superlega: l'idea di pochi ricchi non mi piace

Ma per il leader leghista serve una riforma del calcio

Roma, 19 apr. (askanews) - "Il calcio e lo sport non possono essere solo business, fatturato di milioni e campioni viziati. Da milanista dovrei essere contento di avere garantita una presenza europea per i prossimi anni a prescindere dai risultati, ma da sportivo non mi piace. Il fatturato non è tutto. Non possono esserci 10 squadre che tengono in mano lo sport nel Continente, pensiamo ai ragazzi, pensiamo a chi ha vinto arrivando dal nulla, quindi non mi piace l'idea dei pochi privilegiati, dei pochi ricchi, pochi prescelti da non si sa chi e tutti gli altri che si dividono le briciole": così il leader della Lega Matteo Salvini commenta in un punto stampa a Roma la vicenda della Superlega.

"Che il calcio abbia bisogno di riforme sì, sia in Italia che in Europa, che ci siano procedimenti e stipendi fuori dal mondo e regole fuori dai tempi assolutamente sì ma non è questo il modo di cambiare, alzarsi dalla mattina alla sera e dire noi abbiamo i soldi e noi decidiamo, non è il calcio che ho in testa io, non mi piace assolutamente", ha aggiunto.

Si parla di

Video popolari

Salvini sulla Superlega: l'idea di pochi ricchi non mi piace

Today è in caricamento