Domenica, 7 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scultura, materiali e corpo invisibile: Kennedy Yanko da Poggiali

A Milano la prima personale in Italia dell'artista americana

Milano, 3 ott. (askanews) - Le sculture stanno nello spazio, in un certo senso lo definiscono. Sono lavori forti, che giocano con i materiali e anche con la tradizione del Novecento, a livello di consapevolezza. La Galleria Poggiali nella sua sede milanese di Foro Buonaparte ospita la prima personale in Italia di Kennedy Yanko, artista americana classe 1988 che lavora a Brooklyn. A raccontarci la genesi del progetto è il gallerista Marco Poggiali.

"Avevamo visto per la prima volta il suo lavoro alla galleria Denny Dimin a New York - ha spiegato ad askanews - e ci ha colpito. Poi siamo arrivati a conoscerla personalmente nel suo studio e di lì è nata una sorta di folgorazione per il suo lavoro, per la persona, per la capacità di reinterpretare materiali così diversi, ma che fondendosi creano uno spettacolo molto interessante e anche originale".

La mostra "Because it's in my blood" è per l'artista un omaggio alla cantante funk Betty Davis, ma soprattutto è un dispositivo che porta a ragionare sulla relazione tra i materiali che compongono le sculture, sul loro modo di coesistere creando qualcosa di nuovo. Metalli di riuso e lattice dipinto interagiscono con naturalezza, rielaborando, anche qui, immaginari che sembrano attingere dalla Pop Art e dal Nouveau Réalisme. "Ferro, rame - ha aggiunto Poggiali - sono materiali di recupero che lei poi plasma con il corpo, fisicamente".

Aspetto molto interessante è proprio la presenza-assenza del corpo di Kennedy Yanko - ex modella, con tutto ciò che questo implica - che in qualche modo è attore invisibile delle sculture, a cui fornisce uno spazio di possibile esistenza, per poi ritrarsi dal manufatto finale. Un modus operandi che appare spiccatamente contemporaneo.

Si parla di

Video popolari

Scultura, materiali e corpo invisibile: Kennedy Yanko da Poggiali

Today è in caricamento